Leonardo: consegnato il primo AW169M alla Guardia di Finanza

Roma   14 novembre 2019 10:59

  • Il contratto annunciato alla fine del 2018, del valore di 280 milioni di euro, prevede la consegna di 22 AW169M alla Guardia di Finanza entro il 2024. 
  • Gli elicotteri verranno utilizzati per missioni di esplorazione aeromarittima, ricognizione terrestre e soccorso in montagna, aggiungendosi alla flotta di 14 AW139. 
  • Attualmente sono più di 90 gli elicotteri AW169 in servizio nel mondo e oltre 200 gli ordini effettuati da più di 80 clienti in 30 diversi paesi. 

Leonardo ha consegnato il primo dei 22 elicotteri bimotore di nuova generazione AW169M destinati alla Guardia di Finanza. La consegna, effettuata dallo stabilimento Leonardo di Vergiate il 12 novembre, rientra nel contratto del valore di 280 milioni di euro, annunciato alla fine del 2018, che prevede la fornitura di 22 elicotteri di questo modello. Il contratto prevede inoltre un pacchetto completo di supporto e addestramento che potrebbe essere esteso in futuro per ulteriori servizi dal valore aggiuntivo di 100 milioni di euro. gli AW169M saranno impiegati, per diversi compiti tra cui pattugliamento in qualità di polizia del mare, controllo del territorio per esigenze di polizia economico-finanzia, concorso nell'ordine pubblico, nel soccorso e, in generale, per un'ampia gamma di missioni di sicurezza. La consegna di tutte le macchine è prevista entro il 2024. 

L’AW169M è la variante governativa dell’innovativo AW169, prodotto di nuova generazione dotato delle migliori e più moderne tecnologie di bordo. Ad oggi si contano più di 90 AW169 operativi nel mondo, con ordini che superano le 200 unità, effettuati da più di 80 clienti in 30 diversi paesi. L’AW169 ha già avuto un significativo successo in Italia dove diversi operatori lo utilizzano in tutto il paese per missioni di elisoccorso. Diversi anche gli impieghi per i quali questo elicottero viene utilizzato, soprattutto per trasporto VIP-Corporate, ricerca e soccorso, compiti governativi e di ordine pubblico. 

L’AW169M ha ottenuto da ARMAEREO (Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l'Aeronavigabilità) la qualifica militare a settembre. Gli elicotteri della Guardia di Finanza  saranno dotati di una speciale configurazione comprendente verricello di soccorso, galleggianti e scialuppe di salvataggio, tagliacavi, avanzati sistemi di prossimità con il suolo e anticollisione - anche di progettazione Leonardo - cockpit compatibile con l’uso di visore notturno, sistemi di diagnostica, autopilota ottimizzato per compiti di ricerca e soccorso, faro di ricerca, rilevatore della presenza di ghiaccio, sistema per la discesa rapida del personale per operazioni speciali, comunicazioni satellitari la possibilità di impiegare un sistema iperspettrale per telerilevamento. Gli elicotteri saranno, inoltre, equipaggiati con un’ampia gamma di sistemi e sensori forniti da Leonardo tra i quali sistema di missione RW ATOS con una consolle avanzata, il radar di sorveglianza Gabbiano, il sistema elettro-ottico LEOSS, il transponder per individuazione amico/nemico IFF M428, sistemi di comunicazione V/UHF, pannelli di controllo e sistemi di illuminazione.

Note ai redattori sull’AW169M 
L’AW169M è la variante militare dell’elicottero bimotore di nuova generazione da 4,8 tonnellate AW169 progettato secondo i più rigorosi requisiti EASA per clienti militari, di pubblica sicurezza e governativi. L’AW169M è dotato di straordinarie caratteristiche in termini di potenza, agilità e manovrabilità che gli consentono di operare in molteplici condizioni ambientali, anche ad alte quote e in presenza di elevate temperature. I principali sistemi di bordo possono continuare ad essere alimentati a terra con i rotori fermi ottimizzando tempi di risposta e efficacia di missione. La cabina è la più ampia nella sua classe e consente di sfruttare al massimo il volume interno, permettendo rapide riconfigurazioni in base al tipo di missione e facilità di accesso. I piloti possono beneficiare di una componente avionica di ultima generazione, caratterizzata da capacità di crescita delle proprie funzioni in base all’evoluzione delle esigenze del cliente, tra cui un cockpit interamente digitale che, unitamente alla straordinaria visibilità esterna, assicura una maggiore consapevolezza del contesto tattico e operativo.