UN Global Compact: gli impegni della CFO Taskforce, di cui fa parte Leonardo, a supporto degli SDG

21 settembre 2021

I Chief Financial Officers (CFO) della CFO Taskforce del Global Compact delle Nazioni Unite, tra cui anche il CFO di Leonardo Alessandra Genco, si impegnano a investire complessivamente più di 500 miliardi di dollari a supporto degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG – Sustainable Development Goals) dell’Agenda ONU 2030 

I Chief Financial Officers (CFO) di 60 aziende che attualmente fanno parte della UN Global Compact CFO Taskforce, tra i quali Alessandra Genco di Leonardo, hanno dichiarato il proprio impegno a investire complessivamente più di 500 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni per il raggiungimento dei Sustainable Development Goals (SDG), lavorando sia in coordinamento sia all'interno delle rispettive organizzazioni per promuovere l'ulteriore integrazione degli SDG nella finanza aziendale. I CFO hanno, inoltre, lanciato con il Global Compact una campagna coordinata per reclutare centinaia di aziende che possano adottare strategie e impegni analoghi. L'annuncio è arrivato dallo Uniting Business Live (20-22 settembre), un evento del Global Compact, in concomitanza con l'inizio della 76esima sessione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York. Nell’occasione, Leonardo è stata riconosciuta, per il secondo anno consecutivo, Global Compact LEAD dell’ONU. Leonardo è l’unica tra le principali aziende globali del settore Aerospazio e Difesa ad essere stata inserita in questo ristretto gruppo di aziende, complessivamente 37, che registra quest’anno la presenza di quattro società italiane.

La CFO Taskforce, fondata nel 2019, è la prima iniziativa mondiale che coinvolge i CFO in una piattaforma di collaborazione dedicata alla finanza sostenibile a supporto degli SDG, nell’ambito del Global Compact delle Nazioni Unite.

In questo contesto, i CFO della Taskforce si sono anche impegnati a collegare quasi il 50% di tutti i finanziamenti aziendali alle performance di sostenibilità con piani per emettere centinaia di miliardi in nuovi strumenti di finanza sostenibile, compresi strumenti di debito connessi alla sostenibilità (sustainability-linked bond). Gli impegni finanziari aumenteranno progressivamente per effetto delle iniziative in questo senso da parte di altre aziende, anche grazie alla campagna di promozione concordata nell’ambito della CFO Taskforce.

Leonardo ha indirizzato nel 2020 circa il 50% dei propri investimenti su obiettivi SDG e, rispetto a una media di investimenti annuali pari a circa 600-700 milioni di euro per il 2021-2022, si è impegnata a mantenere il 50% di questi allineati agli SDG, con impatti sul rafforzamento dei processi di innovazione e lo sviluppo della filiera.

L’azione globale della CFO Taskforce potrebbe potenzialmente mobilitare trilioni di dollari di investimenti all'anno a sostegno degli obiettivi di sviluppo sostenibile in aree quali infrastrutture sostenibili, energia rinnovabile, acqua, salute, cibo e agricoltura, uguaglianza di genere e lavoro dignitoso. Per raggiungere questi obiettivi la Taskforce ha creato un framework di riferimento per le aziende partecipanti: The CFO Principles for Integrated SDG Investments and Finance. Finora il 71% delle aziende della Taskforce si sono impegnate a sostegno dei CFO Principles per integrare gli SDG nella definizione e misurazione degli impatti, nella strategia, negli investimenti e nella finanza, nella comunicazione e nel reporting. Il 61% delle aziende della Taskforce pubblica i propri KPI e obiettivi SDG, mentre il 59% integra gli SDG nella comunicazione agli investitori e il 55% pubblica un bilancio integrato.

Leggi l’intervista ad Alessandra Genco, CFO di Leonardo, per scoprire come Leonardo declina nella propria strategia il concetto di finanza sostenibile.

Leggi il Bilancio Integrato 2020 di Leonardo.

Iscriviti al servizio di News Alert

Ricevi gli ultimi aggiornamenti su Leonardo via email

Registrati