AW169: missione di soccorso in Nuova Zelanda

15 aprile 2021

Una tra le missioni di soccorso particolarmente impegnative effettuate dagli equipaggi di Auckland Westpac Rescue si è svolta a 37 km al largo di Cape Brett, non lontano dalla Baia delle Isole della Nuova Zelanda. L'elicottero è andato in aiuto dell'equipaggio di uno yacht che è affondato in mezzo ad onde alte fino a 10 metri.

I soccorritori hanno sfidato venti che soffiavano a 50 nodi alla ricerca dell’equipaggio, disperso su una zattera di salvataggio. Grazie all'incredibile dedizione del personale di bordo di Auckland Westpac Rescue e alle elevate prestazioni dell'AW169, tutti e quattro i membri dell'equipaggio sono stati portati a bordo.

Questa missione, come molte altre simili, dimostra quanto sia impegnativo e fondamentale il lavoro delle squadre di elisoccorso.

Dalla sua istituzione nel 1970, l'Auckland Westpac Rescue Helicopter - che nel 2020 ha celebrato il suo 50° anniversario - ha compiuto oltre 20.000 missioni di salvataggio e vanta il primo servizio al mondo di elicotteri di soccorso civile per il surf. Oggi l’operatore si trova ad affrontare nuove sfide, come quelle presentate dalla pandemia per Covid-19, sfruttando tutte le nuove tecnologie e capacità di missione fornite dall'elicottero AW169 di Leonardo. L'Auckland Rescue Helicopter Trust (ARHT), le cui qualità ed efficacia di missione sono riconosciute dalla comunità aeromedica a livello internazionale, si impegna a fornire e sviluppare un servizio EMS/SAR estremamente efficiente a beneficio delle maggiori comunità di Auckland, del Golfo di Hauraki e di Coromandel, utilizzando tre elicotteri, due dei quali sono AW169 entrati in servizio negli ultimi anni.

Parlando dell'AW169, il capo pilota dell'ARHT, Roger Hortop ha dichiarato: “Si sta davvero dimostrando un forte abilitatore che ci porterà in una nuova era di operazioni di elisoccorso. Abbiamo alcuni piloti con un background AW139, leader mondiale, quindi apprezzano i punti in comune con l'AW169 ma anche le caratteristiche peculiari che quest’ultimo offre rispetto al suo fratello maggiore per le operazioni EMS, ideale per la Nuova Zelanda. La visione sintetica è incorporata e dispone di controlli compatibili con il touch screen. L'AW169 offre all'equipaggio molto più spazio in cabina e una tecnologia avionica superiore con un moderno cockpit digitale rispetto all'elicottero che avevamo prima. La disposizione interna della cabina EMS dell'AW169 è modulare e dispone di un verricello di soccorso sul lato destro. Inoltre, la modalità APU (Auxiliary Power Unit) consente all'equipaggio di spegnere i rotori a terra ma continuare a utilizzare l'alimentazione a bordo. Lo spazio in cabina fa una differenza enorme per i nostri team medici. Inoltre, nelle operazioni VFR, la cabina offre una grande visibilità per le missioni SAR. Nelle operazioni IFR, ci aiuta a fare ciò di cui abbiamo bisogno, giorno e notte, con la tecnologia NVG. Il moderno carrello di atterraggio retrattile completamente elettrico consente di essere veloci quando anche pochi minuti contano per salvare vite umane ma, allo stesso tempo, è robusto se dobbiamo operare su terreni non preparati e ci offre la flessibilità di cui abbiamo bisogno, non importa dove dobbiamo atterrare".

Durante la crisi del Covid-19, agli operatori EMS di tutto il mondo è stato chiesto di adottare speciali misure di sicurezza per garantire i più elevati standard per gli equipaggi in missione e adeguarsi a una nuova situazione difficile e, ovviamente, la Nuova Zelanda non ha fatto eccezione.: "Abbiamo adottato alcune misure per garantire che i piloti e gli equipaggi a bordo dell'AW169 possano operare e volare in sicurezza” ha aggiunto Roger Hortop. “Tra queste ci sono strumenti di base ed essenziali come maschere e gel igienizzante ma anche l'implementazione di misure più specifiche come separare il cockpit dalla cabina con l'aiuto di una tenda speciale, oltre che l’adozione di un layout interno che supporti il distanziamento sociale, sfruttando l'eccezionale versatilità dell’elicottero in configurazione EMS. Il retro della cabina e del vano bagagli consentono il trasporto di una vasta gamma di attrezzature a seconda delle missioni. Uno dei principali vantaggi della cabina appositamente progettata dell'AW169 è la transizione graduale dell'assistenza al paziente all'ospedale una volta a terra. La barella può essere spostata completa di ossigeno salvavita, ventilatore e apparecchiature di monitoraggio collegate, garantendo una transizione senza interruzioni dei dati vitali del paziente tra i due ambienti sanitari ".

Per quanto riguarda la disponibilità degli elicotteri e i servizi di supporto, il responsabile della manutenzione Fraser Burt ha aggiunto: “Per il supporto tecnico ci avvaliamo di un rappresentante di Leonardo presso la nostra base, servizi di supporto provenienti dall'Australia e pieno coordinamento con il polo logistico e tecnico in Italia. I pezzi di ricambio sono disponibili in loco o provengono dagli hub di Leonardo quando necessario. I tecnici di Leonardo hanno contribuito ad adeguarsi all'emergenza Covid-19 con regole specifiche per la pulizia e la sicurezza degli equipaggi a bordo per le operazioni HEMS. L'AW169 è un elicottero di nuova generazione con una vera architettura aperta e un grande potenziale di crescita. Soddisfa pienamente la nostra continua ricerca di miglioramento in tutto ciò che facciamo ".

 

 

 

Iscriviti al servizio di News Alert

Ricevi gli ultimi aggiornamenti su Leonardo via email

Registrati