Open COVID Pledge, quando la condivisione del sapere fa la differenza

14 luglio 2020

La proprietà intellettuale al servizio della lotta al Coronavirus

Immagina, puoi. Due parole, quelle del tormentone, affidato all'intensità di George Clooney, di una vecchia pubblicità nazionale che oggi sembrano trovare nuova linfa e significato. Il post Covid ci ha lasciato certamente un mondo diverso, dove in tanti casi si intravede netta la voglia di essere "migliori". Non più buoni, o non solo. Soprattutto più vicini alle esigenze dei molti, di tutti. I segnali di questa apertura si trovano a più livelli, inclusi quelli dove non te lo aspetteresti per la natura stessa dell'argomento trattato. È così, ad esempio, per la proprietà intellettuale grazie ad una iniziativa mondiale, Open COVID Pledge, promossa da legali, imprenditori e moltissimi esponenti della comunità scientifica. Di cosa si tratta? Chi ha conoscenza dei meccanismi open source del mondo informatico non avrà difficoltà a comprenderlo ma anche per chi non ha dimestichezza il concetto è molto semplice: per difendere la salute di tutti e sconfiggere il Coronavirus è necessario condividere le conoscenze accumulate da grandi aziende, da piccole e medie imprese, università e istituti di ricerca, per metterle così a disposizione di chiunque stia lavorando a soluzioni contro il Covid-19. 

Open COVID Pledge implica infatti il mettere temporaneamente da parte la complessa gestione dei diritti di Proprietà Intellettuale (in particolare brevetti e copyright) e cooperare per un fine più alto. Chi sostiene questo impegno si impegna in un patto di non rivalsa, valido a livello mondiale, per lo sfruttamento della sua Proprietà Intellettuale al solo scopo di mettere la parola "fine" alla pandemia in corso e minimizzare l’impatto della malattia, con strumenti di prevenzione, diagnosi, trattamenti sanitari e contenimento.
 
Leonardo, nel corso della fase di picco dell'emergenza sanitaria, ed ancora oggi, ha intrapreso diverse iniziative per sostenere tutti coloro che in questi momenti difficili sono impegnati quotidianamente nel contenimento dell'epidemia da Covid-19. Mettendo a disposizione i propri aerei ed elicotteri per assicurare il trasporto di materiale medico e per le operazioni di assistenza sanitaria della Protezione Civile, realizzando valvole in 3D per strumenti di ventilazione assistita, concedendo l'utilizzo gratuito di servizi di Threat Intelligence per la cyber-resilienza di aziende e istituzioni.

Aderendo a Open COVID Pledge Leonardo mette ora il suo sapere a disposizione di chi cerca i "pezzi giusti" (e parliamo di brevetti industriali), consentendogli di chiudere il cerchio e far diventare quella che era soltanto un’idea, prima un progetto finalmente fattibile e, poi, un prodotto al servizio della comunità in uno qualsiasi degli aspetti che riguardano soluzioni finalmente utili nella lotta al Covid. 
Chi sostiene questo impegno, come Leonardo, lo fa appunto in maniera "open", aperta, senza nessuna selezione delle richieste, in forza della propria capacità tecnologica e pensando al bene comune. 

Giorno dopo giorno, l'iniziativa che Leonardo ha sposato con entusiasmo sta raccogliendo sempre più consensi: Intel, Amazon, IBM, AT&T, Microsoft, Hewelett Packard, NASA-Jet Propulsion Lab sono solo alcuni tra i protagonisti del mondo Hi-Tech che la stanno supportando. Leonardo ha fatto però da apripista per quanto riguarda il mondo dell'aerospazio e difesa. È possibile mantenere l’impegno adottando una Open COVID License tra i modelli già resi disponibili o far preparare una licenza custom che rispetti comunque gli intenti dell’iniziativa. E Leonardo è pronta per far fronte contro il Coronavirus: il Chief Technology and Innovation Office, insieme a chi si occupa di Proprietà Intellettuale in tutte le divisioni, è impegnato a valutare e selezionare tutte le tecnologie e i brevetti da mettere a disposizione fino a quando la fase di pandemia da Sars-Cov-2 non sarà superata. La lista è lunga e vincente.

Dunque immagina, ovunque nel mondo. Ora grazie al lavoro e alla ricerca di Leonardo finalmente puoi. Per tutti noi.
 

Iscriviti al servizio di News Alert

Ricevi gli ultimi aggiornamenti su Leonardo via email

Registrati