Leonardo rafforza il sistema di controllo dello spazio aereo malese

27 ottobre 2021

Leonardo, in partnership con la joint venture AAT (Advanced Air Traffic Systems) e con CAAM (Civil Aviation Authority Malaysia), segna un nuovo traguardo: il completamento del centro di controllo del traffico aereo (ATC) a Kuala Lumpur. L’annuncio è stato diffuso in occasione dell'evento World ATM Congress (Madrid, 26-28 ottobre).

Il recente risultato è ancora più significativo considerando le difficili condizioni imposte dalla pandemia e sottolinea l’esperienza consolidata della società nel settore del controllo del traffico aereo.

Il progetto "KL ATCC" punta a migliorare la gestione dello spazio aereo malese. Include la fornitura di LeadInSky, il sistema di Leonardo per l’automazione avanzata dei flussi ATC, pienamente conforme alle linee guida e ai regolamenti internazionali in materia di aviazione dell'ICAO. La società farà leva, inoltre, sulla sua tecnologia leader a livello mondiale per l'integrazione dei sistemi di comunicazione, navigazione, sorveglianza e gestione del traffico aereo, parte dell’impegno continuo a garantire i più alti livelli di sicurezza dei cieli.

Integrato su una piattaforma virtuale, LeadInSky si basa su un centro operativo principale, una componente di disaster recovery e un sistema di backup continuamente allineato, per garantire standard elevati di tolleranza a malfunzionamenti e di disponibilità del sistema nel suo complesso. Il centro operativo principale è, inoltre, collegato con sette torri remote e con il JATCC (Joint Air Traffic Control Center) militare, garantendo l’ottimizzazione delle attività civili-militari. Grazie all’elevata automazione consentita da LeadInSky e alla ristrutturazione dello spazio aereo della Malesia, che prevede l’aggiunta di quattordici nuovi settori dedicati, il sistema ATC complessivo vanterà una capacità di controllo significativamente maggiore per i prossimi 10-15 anni.

L'aeroporto internazionale di Kuala Lumpur può gestire 108 voli in atterraggio ogni ora, con un massimo di tre atterraggi simultanei e un bilanciamento ottimale della pista. Il progetto KL ATCC vede l'installazione di 12 nuove stazioni radio, tre nuovi radar secondari e due primari, un sistema GNSS e un ADS-B, tutti integrati nel centro principale. Leonardo fornisce anche attività di test e una soluzione di simulazione per l'addestramento delle generazioni attuali e future dei controllori di volo malesi.

AAT, partner di Leonardo da 24 anni, è alla guida del progetto. AAT impiega 200 ingegneri, formati da Leonardo, che sviluppano e mantengono l’intero spazio aereo della Malesia per voli civili e militari. Leonardo fornisce da 30 anni il sistema di controllo del traffico aereo malese attraverso un contratto full-service, operando a Kuala Lumpur e in tutti gli altri aeroporti del Paese e supportando il trasferimento di tecnologia e lo sviluppo delle competenze locali. La continua collaborazione con AAT guiderà nuovi sviluppi in Malesia e nell’intera area geografica per accogliere le raccomandazioni dell'ICAO orientate al miglioramento della sicurezza, dell'efficienza, della capacità e della eco-sostenibilità.

Con una presenza nell’ATC in oltre 150 Paesi e un ampio portafoglio di tecnologie, Leonardo è impegnata a soddisfare le esigenze presenti e future degli operatori aeroportuali e, più in generale, del trasporto aereo. Al World ATM Congress, l'azienda promuove le sue soluzioni per il controllo del traffico aereo, inclusi sensori di sorveglianza, comunicazioni, radar meteorologici, ausili alla navigazione, sistemi di avviso per evitare incursioni in pista e tecnologie per la gestione dei bagagli. Le capacità in questo campo includono anche soluzioni di cyber security e piattaforme per gestire il traffico aereo dei droni.

Altre notizie e storie

30.11.2021
Innalzamento del livello del mare ed erosione delle coste: monitorare con i satelliti gli effetti del cambiamento climatico

Tecnologie satellitari al servizio dell’uomo e del Pianeta, raccontate attraverso le immagini del calendario 2021 di Telespazio ed e-GEOS “Love Planet Earth” realizzato in collaborazione con National Geographic Italia. Nella tappa di novembre scopriamo il ruolo che i satelliti possono avere, in particolare, nel monitoraggio e nell’analisi di fenomeni quali l’innalzamento del livello del mare e l’erosione delle coste. 

30.11.2021
Innalzamento del livello del mare ed erosione delle coste: monitorare con i satelliti gli effetti del cambiamento climatico

Tecnologie satellitari al servizio dell’uomo e del Pianeta, raccontate attraverso le immagini del calendario 2021 di Telespazio ed e-GEOS “Love Planet Earth” realizzato in collaborazione con National Geographic Italia. Nella tappa di novembre scopriamo il ruolo che i satelliti possono avere, in particolare, nel monitoraggio e nell’analisi di fenomeni quali l’innalzamento del livello del mare e l’erosione delle coste. 

Iscriviti al servizio di News Alert

Ricevi gli ultimi aggiornamenti su Leonardo via email

Registrati