Il satellite GOCE sta per terminare la sua missione

Dopo oltre quattro anni e mezzo di attività il satellite GOCE (Gravity Field and Steady State Ocean Circulation Explorer) sta per terminare la sua missione iniziata nel marzo 2009 dal cosmodromo di Plesetsk, Russia. GOCE, realizzato e integrato da Thales Alenia Space, è stato senza dubbio il primo e più sofisticato satellite dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) destinato allo studio del campo gravitazionale terrestre e della circolazione degli oceani

Roma   27 ottobre 2013

Dopo oltre quattro anni e mezzo di attività il satellite GOCE (Gravity Field and Steady State Ocean Circulation Explorer) sta per terminare la sua missione iniziata nel marzo 2009 dal cosmodromo di Plesetsk, Russia. GOCE, realizzato e integrato da Thales Alenia Space, è stato senza dubbio il primo e più sofisticato satellite dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) destinato allo studio del campo gravitazionale terrestre e della circolazione degli oceani.

 

Nel corso della sua missione, GOCE ha realizzato una mappa globale del campo gravitazionale terrestre con una risoluzione senza precedenti, un risultato che ha già trovato ampie applicazioni nei campi della geodesia, oceanografia, geofisica, glaceologia e climatologia.

 

Thales Alenia Space ha avuto il ruolo di capocommessa per conto dell’Agenzia Spaziale Europea per la realizzazione di GOCE, ed è stata responsabile del progetto di sviluppo, integrazione e prove del satellite, coinvolgedo nelle attività gli stabilimenti di Cannes, Milano e Torino. Thales Alenia Space ha inoltre coordinato i contributi dei principali sottocontraenti europei coinvolti nel programma, tra cui la tedesca EADS Astrium ed i laboratori francesi dell’ONERA.

 

Thales Alenia Space, leader europeo per i sistemi satellitari e all’avanguardia per le infrastrutture orbitanti, è una joint venture tra Thales (67%) e Finmeccanica (33%), e forma con Telespazio la “Space Alliance”. Thales Alenia Space è un punto di riferimento mondiale nel settore dei sistemi satellitari per telecomunicazioni, monitoraggio dell’ambiente e del clima della Terra, difesa e sicurezza, esplorazione e ricerca scientifica.

Altre notizie e storie

03.11.2019
In missione con l'ATR 72MP
Canale di Sicilia. La temperatura al livello del mare è decisamente alta. L'ATR 72MP, prodotto da Leonardo e in dotazione al 41° Stormo dell'Aeronautica Militare (che definisce l'aereo con la sigla P-72A), è decollato un paio di ore prima dalla base aerea di Sigonella. Uno dei quattro operatori ai sistemi di bordo (Mission System Operator - MSO) sta sorvegliando la superficie del mare con il radar a scansione elettronica attiva Seaspray 7300E anch'esso realizzato da Leonardo.
16.10.2018
È Grafene Revolution! Scopriamo insieme questo straordinario materiale

Ne parliamo con il Premio Nobel K. Novoselov e con il CTO LoB Spazio di Leonardo M. Molina

09.09.2018
La filiera italiana dell'Aerospazio, della Difesa e della Sicurezza

Studio realizzato da The European House – Ambrosetti in collaborazione con Leonardo.

03.11.2019
In missione con l'ATR 72MP
Canale di Sicilia. La temperatura al livello del mare è decisamente alta. L'ATR 72MP, prodotto da Leonardo e in dotazione al 41° Stormo dell'Aeronautica Militare (che definisce l'aereo con la sigla P-72A), è decollato un paio di ore prima dalla base aerea di Sigonella. Uno dei quattro operatori ai sistemi di bordo (Mission System Operator - MSO) sta sorvegliando la superficie del mare con il radar a scansione elettronica attiva Seaspray 7300E anch'esso realizzato da Leonardo.
16.10.2018
È Grafene Revolution! Scopriamo insieme questo straordinario materiale

Ne parliamo con il Premio Nobel K. Novoselov e con il CTO LoB Spazio di Leonardo M. Molina

09.09.2018
La filiera italiana dell'Aerospazio, della Difesa e della Sicurezza

Studio realizzato da The European House – Ambrosetti in collaborazione con Leonardo.