Finmeccanica e il Gruppo Navale Cavour lasciano il porto di Jeddah

Lo scorso 22 novembre, dopo una permanenza in porto di quattro giorni, è salpato dal porto di Jeddah, Arabia Saudita, il Gruppo Navale Cavour, rappresentato dalla portaerei Cavour e dalla fregata Bergamini. Questa rappresentava la prima tappa di una navigazione che toccherà una ventina di scali iniziata lo scorso 13 novembre da Civitavecchia.

Jeddah   25 novembre 2013

Lo scorso 22 novembre, dopo una permanenza in porto di quattro giorni, è salpato dal porto di Jeddah, Arabia Saudita, il Gruppo Navale Cavour, rappresentato dalla portaerei Cavour e dalla fregata Bergamini. Questa rappresentava la prima tappa di una navigazione che toccherà una ventina di scali iniziata lo scorso 13 novembre da Civitavecchia.

 

La visita in Arabia Saudita ha ricoperto un ruolo di primaria importanza in quanto ha rappresentato l’occasione per celebrare l’anniversario per gli 80 anni delle relazioni tra l’Italia ed il paese medio orientale, una celebrazione che ha visto la partecipazione dell’Ambasciatore Italiano Mario Boffo ed il Console Generale Simone Petroni e di autorità sia dei Governi Saudita ed Italiano che del settore privato.

 

Durante i giorni in porto, Finmeccanica ha avuto la possibilità di mostrare le capacità ed i prodotti delle aziende del Gruppo presenti in uno stand a bordo della portaerei Cavour: AgustaWestland, OTO Melara, Selex ES, WASS, Telespazio e MBDA.

Altre notizie e storie

03.11.2019
In missione con l'ATR 72MP
Canale di Sicilia. La temperatura al livello del mare è decisamente alta. L'ATR 72MP, prodotto da Leonardo e in dotazione al 41° Stormo dell'Aeronautica Militare (che definisce l'aereo con la sigla P-72A), è decollato un paio di ore prima dalla base aerea di Sigonella. Uno dei quattro operatori ai sistemi di bordo (Mission System Operator - MSO) sta sorvegliando la superficie del mare con il radar a scansione elettronica attiva Seaspray 7300E anch'esso realizzato da Leonardo.
17.06.2019
Sfidare il fuoco nelle missioni antincendio

Rapidità ed efficacia di azione sono fondamentali nelle missioni antincendio che, secondo le statistiche, sono sempre più frequenti. Solo in Europa, ogni anno, sono oltre 816.000. In Italia e all’estero è l’AW139 di Leonardo il grande alleato degli operatori chiamati a domare le fiamme. Scopriamo perché...

24.05.2019
Mid-Life Upgrade: vantaggi e opportunità

Aggiornare la flotta di elicotteri già in servizio per migliorare la competitività degli operatori a livello mondiale: è questo l’obiettivo principale dei programmi di Mid-Life Upgrade. Tra questi c’è anche quello relativo agli elicotteri CH-149 Cormorant in Canada.

03.11.2019
In missione con l'ATR 72MP
Canale di Sicilia. La temperatura al livello del mare è decisamente alta. L'ATR 72MP, prodotto da Leonardo e in dotazione al 41° Stormo dell'Aeronautica Militare (che definisce l'aereo con la sigla P-72A), è decollato un paio di ore prima dalla base aerea di Sigonella. Uno dei quattro operatori ai sistemi di bordo (Mission System Operator - MSO) sta sorvegliando la superficie del mare con il radar a scansione elettronica attiva Seaspray 7300E anch'esso realizzato da Leonardo.
17.06.2019
Sfidare il fuoco nelle missioni antincendio

Rapidità ed efficacia di azione sono fondamentali nelle missioni antincendio che, secondo le statistiche, sono sempre più frequenti. Solo in Europa, ogni anno, sono oltre 816.000. In Italia e all’estero è l’AW139 di Leonardo il grande alleato degli operatori chiamati a domare le fiamme. Scopriamo perché...

24.05.2019
Mid-Life Upgrade: vantaggi e opportunità

Aggiornare la flotta di elicotteri già in servizio per migliorare la competitività degli operatori a livello mondiale: è questo l’obiettivo principale dei programmi di Mid-Life Upgrade. Tra questi c’è anche quello relativo agli elicotteri CH-149 Cormorant in Canada.