Leonardo Drone Contest

 

Il Leonardo Drone Contest è un progetto di Open Innovation ideato e sviluppato da Leonardo, in collaborazione con sei atenei italiani, per promuovere lo sviluppo, in Italia, dell’Intelligenza Artificiale applicata all’ambito dei sistemi senza pilota.

Obiettivo del progetto è quello di favorire la nascita di un «ecosistema» che coinvolga e metta insieme le capacità delle grandi imprese, degli atenei, delle PMI e degli spin-off e start-up nazionali.  

In particolare, Leonardo sta sostenendo le attività di sei dottorandi (uno per ateneo) del Politecnico di Torino e Milano e delle Università di Bologna, Sant’Anna di Pisa, Roma Tor Vergata e Federico II di Napoli che, per tre anni, si impegneranno nello sviluppo di un sistema a guida autonoma per droni, mettendo a fattor comune risorse e conoscenze universitarie e aziendali. I sei dottorandi, con i propri team, si confronteranno ogni anno in un simposio scientifico, oltre che in una competizione tra di loro.

Il Leonardo Drone Contest è iniziato ufficialmente il 12 novembre 2019 e terminerà nel 2022. La prima gara si svolgerà a Torino nel secondo semestre del 2020 e, in questa occasione, si analizzeranno i primi risultati e le potenzialità dei rispettivi progetti. 

 

 

 

Un ecosistema di innovazione
 

Scopriamo i team

Politecnico di Torino

Politecnico di Torino

Il Politecnico di Torino da 160 anni prepara ingegneri, architetti, designer e pianificatori territoriali secondo standard di elevata qualità. Il team DRAFT PoliTo è composto da studenti di diversi corsi e livelli di Ingegneria, un gruppo multidisciplinare in cui ognuno arricchisce la propria esperienza nel lavoro comune per raggiungere l’obiettivo.

Politecnico di Milano

Il Politecnico è un’università scientifico-tecnologica che forma ingegneri, architetti e designer e che da sempre punta sulla qualità e innovazione di didattica e ricerca. Obiettivo del team del Politecnico è lo sviluppo di un drone dotato di capacità di guida e navigazione autonoma.

Politecnico di Milano

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna

E’ considerata la prima università del mondo occidentale ed è riferimento imprescindibile nel panorama della cultura europea. Obiettivo del team di questa università è quello di dotare la piattaforma aerea di un’intelligenza artificiale, che permetta di eseguire le operazioni predefinite in completa autonomia e senza l’intervento umano.

Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

La Scuola Superiore di Sant’Anna è un istituto universitario pubblico a statuto speciale che opera nel campo delle scienze applicate e ha l'obiettivo di sperimentare percorsi innovativi nella ricerca e formazione. Il team di questa università intende realizzare un drone allo stato dell’arte che mappi un ambiente sconosciuto e pianifichi i movimenti per la missione.

Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

L'Università di Roma “Tor Vergata” mira a svolgere un ruolo di primo piano nella ricerca e nell’istruzione, nonché nello sviluppo tecnologico, economico, organizzativo e sociale. Il team di questa università è formato da tesisti, dottorandi e altri ricercatori, nello specifico esperti in ambito intelligenza artificiale, controlli automatici e robotica.

Università degli Studi di Napoli Federico II

L'Università di Napoli Federico II fu fondata nel 1224 ed è la più antica università pubblica al mondo. Qui nasce il PRISMA Lab che con il suo team sta lavorando sul progetto Drone Contest focalizzandosi, in particolare, su: sviluppo software, sviluppo meccanica, realizzazione di prototipi e progettazione meccatronica.

Università degli Studi di Napoli Federico II