Rewarding

La nostra politica di rewarding ha l’obiettivo di attrarre e motivare le risorse dotate delle qualità e competenze necessarie per contribuire al conseguimento dei risultati aziendali e creare continuo valore per gli azionisti.

La politica retributiva di Leonardo garantisce, in particolare: 

  • Rispetto dei principi di Trasparenza e Meritocrazia
  • Allineamento alle migliori prassi del mercato internazionale
  • Attraction / Retention delle risorse chiave del Gruppo 

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (CCNL) applicato è quello metalmeccanico.

Il pacchetto retributivo è composto da una combinazione dei seguenti elementi:

Remunerazione Fissa: è tale da compensare adeguatamente le prestazioni rese ed è commisurata alle responsabilità assegnate dall’azienda e al lavoro svolto. 
Remunerazione Variabile: si articola in una componente di breve termine tipicamente annuale (Sistema MBO) per la popolazione manageriale, ed una componente di lungo termine, riservata unicamente ad una popolazione di manager chiave.

Il Sistema MBO (Management by Objectives) è focalizzato sul raggiungimento degli obiettivi di breve termine che sono alla base del Piano Industriale della Società.

Il Piano di Incentivazione a Lungo Termine si prefigge invece di incentivare le risorse strategiche del Gruppo al miglioramento della performance nel medio-lungo termine, con riferimento sia ai risultati economico-finanziari che alla creazione di valore per gli azionisti.

 

Ogni anno si svolge inoltre il processo di Salary Review, strumento di gestione della remunerazione fissa, che si pone i seguenti obiettivi:

  1. Assicurare un uniforme e coerente trattamento retributivo che garantisca i principi di equità, competitività, trasparenza e meritocrazia in coerenza con i valori, i principi di governance e la politica retributiva aziendale;
  2. Supportare la cultura della performance e garantire la valorizzazione e la retention delle risorse, orientandole al conseguimento dei risultati secondo principi di integrità e correttezza;
  3. Bilanciare la componente fissa della remunerazione con quella di natura variabile, in linea con il valore e le effettive responsabilità del ruolo ricoperto.