Materialità

I temi materiali contribuiscono a individuare gli ambiti più rilevanti di integrazione tra i fattori ESG e gli indirizzi chiave del Piano Industriale. In questi ambiti, fortemente collegati ai processi operativi e industriali, si declinano gli indirizzi di sostenibilità e le priorità di azione.

 

I temi materiali vengono aggiornati e valutati periodicamente, partendo dall’analisi dei mutamenti intervenuti nel contesto esterno, a livello di macro scenari di settore, trend tecnologici e di mercato, evoluzione delle normative che hanno un impatto sul business.

 

I TEMI MATERIALI: COSA È IMPORTANTE PER LA SOSTENIBILITÀ DI LEONARDO

 

 

LE SPINTE ESTERNE: COME EVOLVE IL CONTESTO ESG

 

Cresce il peso degli investitori responsabili

 

1.400 firmatari che gestiscono investimenti per 59 trilioni di dollari.  Questi i numeri dell’iniziativa ONU che promuove i sei Principles for Responsible Investment. Tra questi vi sono investitori che detengono il 20% circa del capitale di Leonardo.

In particolare il secondo principio prevede di “incorporare le tematiche ESG (environmental, social, governance, ndr) nelle pratiche di azionariato attivo”.

 

Aumenta la richiesta di accountability per le imprese

 

Entra in vigore anche in Italia la Direttiva Europea "Non financial and diversity information" che, per le grandi imprese/gruppi, rende obbligatoria, e non più volontaria, la comunicazione delle informazioni di carattere non finanziario sulle politiche, sui rischi e sui risultati riguardanti le questioni ambientali, sociali e quelle legate al lavoro, al rispetto dei diritti umani, alla lotta contro la corruzione e alla diversità nei consigli di amministrazione

 

Si rilancia l’agenda mondiale dello sviluppo sostenibile

 

Contrasto al cambiamento climatico, resilienza delle città e delle infrastrutture, conservazione degli ecosistemi terrestri e marini, sono tra i 17 obiettivi (Sustainable Development Goals) che i 193 Paesi membri delle Nazioni Unite si sono impegnati a raggiungere entro il 2030. 

 

0