Sistemi di difesa

 

I prodotti della Divisione Sistemi Difesa sono eredi delle più antiche fabbriche italiane che, da oltre cento anni negli stessi stabilimenti produttivi, progettano, sviluppano e producono artiglierie, armamenti e siluri. 


La continua evoluzione tecnologica costantemente applicata a questi sistemi nel corso degli anni, consente oggi alla Divisione di offrire un portafoglio di prodotti e sistemi altamente innovativi, tecnologicamente all’avanguardia e in grado di rispondere efficacemente ai nuovi scenari operativi terrestri, navali e subacquei.


La Divisione Sistemi di Difesa dal primo gennaio 2016 ha assorbito le attività di OTO Melara e WASS.

 

SISTEMI D'ARMA TERRESTRI E NAVALI 

Tra i maggiori interlocutori industriali delle Forze Armate, la Divisione Sistemi di Difesa è tra i leader a livello globale nella progettazione, sviluppo e produzione di cannoni navali di piccolo, medio e grande calibro (da 12,7 a 127mm).


La Divisione può offrire un’intera gamma di artiglierie terrestri che vanno dai piccoli calibri (7,62 e 12,7mm) a quelli più grandi attualmente presenti sul mercato (105 e 120mm), l’innovativo munizionamento guidato navale e terrestre (munizioni DART e della famiglia Vulcano), piccoli veicoli terrestri e aerei senza pilota (TRP2 e Horus) e armamenti per elicotteri e aerei militari (torre TM197B, Pintle Mount e la nuova Gunship).


La Divisione, attraverso un Consorzio paritetico con la società Iveco, contribuisce inoltre alla progettazione, sviluppo e produzione dei carri armati e dei veicoli ruotati blindati di nuova generazione (VBM Freccia e Centauro).


Tutte le produzioni, che seguono un programma continuo di aggiornamenti, vengono realizzate con l’obiettivo di offrire prodotti che consentono l’uniformità dell’interfaccia uomo-macchina, gli stessi concetti progettuali e anche la stessa logistica.

SISTEMI SUBACQUEI

Anche nel campo dei sistemi di difesa subacquei, la Divisione Sistemi di Difesa vanta eccellenze nella progettazione, produzione e integrazione di siluri pesanti e leggeri, sistemi di contromisure anti siluro per sommergibili e navi di superficie, sistemi sonar per la sorveglianza subacquea. In particolare, la realizzazione dei siluri pesanti comprende il siluro di nuova generazione Black Shark, concepito per contrastare le minacce più impegnative costituite da ogni tipo di bersaglio di superficie o sommergibile. Nei siluri leggeri, oltre all’A244 venduto in oltre 1.200 esemplari nelle varie versioni, e l’MU90, prodotto e commercializzato grazie alla partnership internazionale con Eurotorp, la Divisione sta progettando nuovi prodotti tecnologicamente avanzati.

 

La Divisione sviluppa, inoltre, sistemi di protezione per piattaforme navali, sia di superficie che subacquee, oggetto di potenziali attacchi da parte di siluri e grazie all’esperienza acquisita nel campo dei sonar, è anche attiva nell’ambito dei sistemi di sorveglianza subacquea per porti, zone costiere e siti strategici. Selezionati e in servizio presso diverse Marine Militari di tutto il mondo, i sistemi subacquei prodotti dalla Divisione sono presenti in oltre 30 Paesi.

SISTEMI UNMANNED

Le attività di ricerca e sviluppo della Divisione Sistemi Difesa sono anche rivolte alla progettazione di sistemi robotici in grado di svolgere operazioni di sorveglianza e pattugliamento tattico. Alcuni prodotti UGV (Unmanned Ground Vehicle) sono già realtà, veicoli altamente mobili, sia cingolati che gommati, in grado di offrire ottime prestazioni in termini di capacità di carico, velocità, precisione, e controllabilità. Sugli UGV, costruiti attorno ad una precisa architettura modulare, possono essere installati una vasta gamma di attuatori e sensori che rendono i veicoli in grado di svolgere diverse missioni, come ricognizione e acquisizione obiettivi, bonifica ordigni e funzioni di contrasto alla presenza di agenti biologici, radiologici, chimici, nucleari.

 

Attualmente, la famiglia degli UGV realizzati dalla Divisione è composta da una serie completa di piattaforme robotiche di diversi pesi e dimensioni (dalla più piccola TRP 3-Frog, alla più grande TRP HD) tutte a supporto delle forze di sicurezza di terra. Un’altra produzione riguarda i piccoli robot aerei HORUS, che possono essere sparati da una bocca da fuoco di 120mm e che sono in grado di fornire immediatamente, in modo efficace e continuo, un video in streaming in tempo reale relativo all'area di interesse tattico, eseguendo funzioni di pattugliamento, ricerca e acquisizione del bersaglio. 
Grazie alla lunga esperienza nel settore del controllo remoto dei sistemi di armamento, tutti i veicoli possono utilizzare la stessa stazione di controllo a terra.

 

Un’assoluta novità nel campo degli unmanned è rappresentata dalla piattaforma navale SWAD (Sea Watch Dog) destinata a compiti di intelligence, ricognizione e sorveglianza per lunghi periodi tempo. SWAD può svolgere missioni anfibie e di antipirateria, sia per il controllo a distanza dalle navi- madre sia per assicurare sicurezza ai natanti. Anche nel campo dei sistemi subacquei il know-how tecnologico acquisito permette alla Divisione di applicare le proprie soluzioni anche al mercato civile, nel campo della protezione dell’ambiente, della fauna, della flora marittima e delle attività di esplorazione e ricerca del mondo subacqueo. Un esempio è il progetto V-Fides che, grazie all’elevata autonomia energetica garantita da una batteria Litio Polimeri ricaricabile modulare, può operare sia in controllo remoto che in modalità autonoma. I sistemi SWAD e V-Fides possono essere utilizzati per un uso duale.

 

0