Tecnologie Finmeccanica per una meteorologia più accurata

Tecnologie Finmeccanica per una meteorologia più accurata

Previsioni meteorologiche a lungo termine e su base continua: è lo scopo del programma satellitare europeo MetOp SG (Meteorological Operational Second Generation) lanciato dall’Agenzia Spaziale europea (ESA) in collaborazione con EUMETSAT (European Organisation for the Exploitation of Meteorological Satellites) a cui partecipa anche Finmeccanica - Selex ES.

 

L’Azienda fornirà ad Airbus Defence and Space, capocommessa della missione, un innovativo strumento ottico ad alte prestazioni che sarà utilizzato nell’ambito del programma per il monitoraggio climatico e ambientale. Lo strumento verrà integrato sui primi tre dei sei satelliti di MetOp-SG realizzati da Airbus Defence and Space.

 

Avviata nel 2014, MetOp-SG è un’iniziativa per il monitoraggio climatico e ambientale, che ha lo scopo di consentire previsioni meteorologiche sempre più accurate. Il programma prevede la realizzazione di sei satelliti destinati ad offrire prestazioni di elevata accuratezza in continuità con i satelliti MetOp, attualmente operativi e principale fonte di elaborazione di dati meteorologici globali. Il primo satellite verrà lanciato in orbita nel 2021 e ciascuna delle due serie di satelliti sarà in servizio operativo per almeno 21 anni.

 

Progettato e sviluppato nello stabilimento di Finmeccanica – Selex ES di Campi Bisenzio, centro di eccellenza per le tecnologie elettroottiche avanzate per applicazioni terrestri e spaziali, lo strumento, denominato 3MI (Multi-viewing, Multi-channel, Multi-polarization Imager), è un radiometro passivo che opera nel visibile e medio infrarosso, in grado di effettuare anche misure della polarizzazione.

 

Lo strumento consentirà di sviluppare un’innovativa tecnica di osservazione, permettendo lo studio approfondito a distanza delle proprietà fisico-chimiche dell’atmosfera e delle nubi, misurando l’energia che la superficie atmosferica irradia nello spazio circostante. I dati generati da 3MI renderanno possibile l’analisi della qualità dell’aria, contribuendo a migliorare le attuali capacità di previsioni meteorologiche a lungo termine.

Roma 10/11/2014