Primi voli: da Kathmandu in direzione Everest

Primi voli: da Kathmandu in direzione Everest

 

24 marzo 2017


Le attività della giornata, che hanno richiesto circa tre ore di volo in totale, avevano l’obiettivo di validare le performance massime dell’elicottero con passeggeri e piloti a bordo, oltre che a pieno carico di carburante. 

 

Simone Moro in cabina a sinistra, e Ezio Oliva, come comandante, hanno portato l’AW119Kx all’aeroporto Hillary & Tenzing di Lukla, a circa 2.750 mt s.l.m. Durante il volo l’altezza massima raggiunta è stata di 3.353 mt

 

 

25 marzo2017


Sabato il team che lavora al progetto dell’AW119Kx in Nepal ha raggiunto l’aeroporto di Lukla, ma è stato costretto a rimanere per la notte a causa delle cattive condizioni atmosferiche, che non hanno permesso all’elicottero di ritornare a Kathmandu.

 

 

27 marzo 2017

 

La giornata è iniziata presto, alle 6.40, con una chiamata di emergenza da Dingboche, dove nessun altro elicottero era in grado di arrivare a causa delle dense nubi e della nebbia che sovrastavano l’area. Avvantaggiandosi della potenza e dell’avionica avanzata dell’AW119Kx i comandanti Moro e Oliva hanno deciso di rispondere alla chiamata. Sono riusciti facilmente a penetrare le dense nubi nonostante la scarsa visibilità e sono atterrati in sicurezza a Dingboche (4.359 mt) con passeggeri a bordo.

 

 

Dopo aver sbarcato i passeggeri hanno fatto salire a bordo due escursionisti che soffrivano per l’alta quota, e nel frattempo hanno ricevuto un’altra chiamata di assistenza medica dal vicino villaggio di Pakding. I piloti hanno decollato con facilità da Dingboche e l’AW119Kx è agilmente atterrato in un campo di patate a Pakding, per recuperare una donna del luogo che ha avuto un malore. Tutti i passeggeri sono stati riportati a Kathmandu nel tempo record di 35 minuti. L’AW119Kx si è dimostrato più veloce di tutti gli altri elicotteri che operano nella regione e ha dato prova di capacità di atterraggio e decollo in terreni non preparati.

 

A metà pomeriggio l’AW119Kx ha eseguito missioni di trasporto passeggeri, a pieno carico, con peso massimo al decollo da Kathmandu a Lukla, dove è atterrato senza problemi. Grazie alle buone condizioni atmosferiche, l’elicottero è stato preparato per compiere voli sperimentali nella regione dei campi base dell’Everest. In due ore l’equipaggio ha eseguito un totale di 14 atterraggi, il più alto a Gora Shep (4923 mt).

 

La massima altitudine di crociera raggiunta durante questi voli è stata di 6705 mt, tra il campo base 2 e il campo base 3 dell’Everest, ad una temperatura ambiente di -10°C. Le attività di volo della giornata si sono concluse a Kathmandu alle 16.45.

Nepal 28/03/2017