Leonardo-Finmeccanica a MSPO 2016

Leonardo-Finmeccanica a MSPO 2016

Leonardo-Finmeccanica partecipa a MSPO 2016 (6-9 settembre), uno dei più importanti saloni della Difesa in Europa e che si tiene a Kielce, Polonia. La società attribuisce a questo paese grande rilevanza strategica, con considerevoli investimenti compiuti in anni recenti (in particolare a seguito dell’acquisizione nel 2010 della società elicotteristica polacca PZL-Świdnik) e molteplici opportunità offerte sia dal mercato della difesa e della sicurezza che da quello civile.  

 

Aeronautica

L’Aeronautica Militare polacca ha ordinato 8 Aermacchi M-346 insieme al relativo sistema integrato di addestramento ed è previsto che le consegne inizino questo novembre. L’M-346 ITS (Integrated Training System) è un sistema di addestramento avanzato di nuova generazione progettato e costruito da Leonardo per consentire in modo semplice ed efficiente la transizione dei piloti dalla fase di formazione basica agli avanzati velivoli da combattimento di ultima generazione. L’aereo fa parte di un sistema integrato allo stato dell’arte e già ampiamente collaudato, comprendente un’ampia gamma di sistemi didattici e in grado di condurre, passo dopo passo, un nuovo studente a diventare un pilota di M-346. Il velivolo è equipaggiato con avanzati sistemi avionici e interfaccia uomo-macchina, sviluppati in collaborazione con Leonardo Sistemi Avionici e Spaziali, e con un avanzato ETTS (Embedded Tactical Training System) che consente di effettuare addestramento di missione per compiti aria-aria e aria-superficie senza l’impiego di avversari reali ma utilizzando “minacce” generate dal computer con l’impiego di radar e sistemi d’arma simulati (sia in modalità stand-alone o in scenari più complessi con il coinvolgimento di altri M-346 collegati tramite Data-Link).

 

L’M-346 non è soltanto un eccellente addestratore avanzato. Nel ruolo di ‘aggressor’ questo aereo ha già ottenuto una validazione a livello NATO in esercitazioni congiunte ad Albacete e dall’Aeronautica Militare italiana in operazioni nazionali contro Eurofighter e AMX. L’M-346 ITS include inoltre il primo sistema Live-Virtual-Constructive pienamente operativo in una Forza Aerea che permette ad uno o più M-346 di essere connessi in volo e svolgere una missione congiunta con un uno o più piloti nel simulatore di missione a terra. Il pilota nel simulatore può vedere i velivoli reali nel sistema di visione del simulatore mentre il pilota a bordo può vedere gli M-346 a terra e basati su simulatore attraverso il radar ETTS e sul display presente sul casco. Utilizzando la stazione di monitoraggio in tempo reale l’istruttore potrà tenere sotto controllo l’intera esercitazione e potrà modificare la situazione tattica aggiungendo nuovi obiettivi virtuali, un’aerocisterna virtuale e così via.

 

La nuova versione Fighter Trainer (FT) è un M-346 capace di modalità dual-role per svolgere sia addestramento avanzato che missioni aria-aria e aria-superficie, grazie all’integrazione di bombe guidate e non guidate, razzi, missili aria-aria, e all’installazione di un ricevitore di allarma radar (RWR, Radar Warning Receiver), di un dispenser di inganni Chaff & Flare, display montato sul casco del pilota e un pod da ricognizione. I collaudi di integrazione di armamenti e sistemi sono già cominciati. L’ingresso in servizio è previsto nel 2018. L’M-346 Fighter Trainer è il risultato di uno sviluppo finanziato dall’azienda, basato su un solido potenziale di mercato per una versione multiruolo dell’addestratore avanzato M-346, apprezzato in tutto il mondo.

 

Diverse altre forze aeree guardano con grande attenzione a quest’opzione che permette a questo addestratore ad elevate prestazioni di svolgere il ruolo di efficace velivolo da combattimento leggero.

 

Elicotteri 

Leonardo partecipa ad MSPO 2016 evidenziando la propria leadership in campo elicotteristico e, in Polonia, attraverso PZL-Świdnik, acquisita nel 2010. 

 

Con la celebrazione quest’anno del sessantesimo anniversario dall’avvio della produzione di elicotteri, PZL-Świdnik è il solo produttore di velivoli ad ala rotante di progettazione polacca, in grado di effettuare attività di ricerca e sviluppo, integrazione sistemica, costruzione, supporto e addestramento, modernizzazione degli aeromobili. Grazie a PZL-Świdnik, la Polonia è uno dei cinque paesi europei che può vantare la capacità di progettare, produrre, sviluppare e mantenere i propri elicotteri. Attualmente sono impiegati presso PZL-Świdnik 3300 dipendenti, di cui 650 ingegneri, e coopera con quasi 1000 aziende polacche, generando quasi 4500 posti di lavoro addizionali nell’economia del paese. La maggior parte dei suoi partner sono basati nella zona sud orientale del paese, tra cui membri del maggior distretto aeronautico polacco, denominato Aviation Valley, e del distretto per le tecnologie aerospaziali avanzate di Lublino. PZL-Świdnik è uno dei maggiori datori di lavoro e contribuenti nella regione di Lublino ed ha prodotto e consegnato più di 7400 elicotteri fino ad oggi a clienti in oltre 40 paesi nel mondo. PZL-Świdnik è un partner chiave del Ministero della Difesa polacco in quanto componente fondamentale dei principali programmi elicotteristici delle Forze Armate polacche, le quali operano quasi 160 elicotteri prodotti da PZL-Świdnik. Quasi l’80% degli elicotteri consegnati alle Forze Armate polacche negli ultimi decenni sono stati realizzati a Świdnik (SW-4 Puszczyk, W-3PL Głuszec, W-3WA Sokół in versione VIP per il trasporto di vertici istituzionali). Con lo sviluppo e il collaudo dell’SW-4 'Solo' RUAS/OPH (elicottero  controllo remoto con la possibilità di poter operare anche con pilota a bordo) Leonardo ha inoltre lanciato il suo primo elicottero ‘unmanned’.

 

La statica elicotteristica di Leonardo al salone comprende un W-3PL Głuszec e un AW149 con un’ampia gamma di equipaggiamenti e di sistemi d’arma sottolineando la versatilità della tecnologia elicotteristica attuale e del futuro sviluppata in Polonia. L’elicottero W-3PL Głuszec è la versione più recente del Sokół, ottimizzato per missioni armate quali ricerca e soccorso in combattimento (CSAR, Combat Search and Rescue), supporto ravvicinato, trasporto truppe e materiali, scorta, sorveglianza e acquisizione bersagli, assalto. I primi quattro Głuszec sono stati consegnati all’Esercito polacco nel dicembre 2010. Successivamente è stato firmato un secondo contratto per portare ulteriori quattro Sokół allo standard W-3PL. L’AW149 è un elicottero militare biturbina di nuova generazione, il primo nella sua categoria negli ultimi 40 anni. L’AW149 assicura la flessibilità richiesta ad un moderno elicottero impiegato sul campo ed esegue con livelli di costo/efficacia senza eguali missioni come supporto ravvicinato, trasporto truppe e materiali, evacuazione medica, SAR/CSAR, comando e controllo e altri compiti. 

 

Elettronica per la Difesa Terrestre e Navale

Nel settore dell’Elettronica per la Difesa e la Sicurezza Leonardo vanta rapporti consolidati con la Polonia. Oltre all’installazione di tre sistemi radar fissi di difesa aerea Fixed Air Defence Radar (FADR) per l’Aeronautica Militare polacca, la società ha anche fornito il sistema automatizzato di sorveglianza costiera ZSRN ed è presente da tempo nel paese con i suoi radar di aiuto alla navigazione e meteorologici. Più recentemente, nell’ambito del programma BRASS (Broadcast and Ship to Shore), Leonardo si è aggiudicata un contratto per dotare la Marina polacca con sistemi di telecomunicazione NATO.

 

MSPO rappresenta un’opportunità per continuare a promuovere le capacità e le soluzioni di Leonardo in ambito navale e terrestre, in particolare per: sistemi di combattimento, sensori per il campo di battaglia ed elettrottici, sistemi di comunicazione, soluzioni C4I fisse e mobili così come sistemi integrati di difesa aerea a supporto dei clienti del mercato export.

 

Inoltre, l’azienda punta a fornire alle Forze Armate polacche soluzioni dall’eccellente rapporto costo/efficacia per un supporto logistico integrato a sostegno dei suoi sistemi già installati, attraverso partnership con società locali e sviluppando know-how e tecnologia nel paese.

 

Esiste una serie di opportunità chiave, tra cui: i programmi navali della Marina come il "CZAPLA” per pattugliatori d’altura e il "MIECZNIK" per la difesa costiera e i sistemi di comunicazione satellitare per le Forze Armate (con la fornitura della stazione di trasmissione e di terminali satellitari di piccole e medie dimensioni).

 

Sistemi Avionici e Spaziali

Più recentemente Leonardo ha fornito all’Aeronautica Militare polacca equipaggiamenti avionici (comprendenti il sistema di gestione del carico, l’ head-up-display, il computer di controllo del volo, radio V/UHF, IFF ecc.) per il programma relativo all’addestratore avanzato Advanced Jet Trainer – AJT e un simulatore di missione. Inoltre, la società ha venduto ricevitori MMR (Multi Mode Receiver) alla società Wojskowe Zakłady Lotnicze destinati ad essere installati sugli aerei Mig-29 e Su-22 della Forza Armata.

 

Tra gli obiettivi di business di particolare importanza vi sono: i programmi UAV in diverse classi (MALE, Tactical, MINI and MICRO); equipaggiamenti avionici, sensori (EW/radar) e simulatori per il programma AJT; un centro addestramento per UAS per l’Aeronautica Militare polacca; possibili accordi trilaterali (Germania, Polonia, Italia) per sistemi IFF denominati RIFF (Mode 5 Reverse); un nuovo radar a scansione elettronica AESA per i caccia F-16 polacchi; sistemi di contromisure a infrarossi (DIRCM – Direct InfraRed CounterMeasure) per piattaforme ad ala fissa e rotante.

 

Spazio 

Leonardo ha un ruolo di primo piano anche nel settore spaziale, che sta conoscendo negli ultimi anni in Polonia una notevole espansione.

 

Leonardo ha firmato a luglio 2016 un contratto con l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) per lo sviluppo del sistema che permetterà all’Europa di esaminare più in profondità il sottosuolo della Luna. Il progetto vede Leonardo alla guida di un consorzio internazionale impegnato nella progettazione, realizzazione e test del prototipo del laboratorio automatico PROSPECT per Luna Resurs, missione frutto della collaborazione tra ESA e Roscosmos (l’agenzia spaziale russa) che dovrebbe portare nel 2021 una sonda sulla Luna alla ricerca di acqua e materie prime utilizzabili per la costruzione di una futura base permanente. All’interno del consorzio anche l’azienda ASTRONIKA Sp. z o.o., fondata da un gruppo di ingegneri provenienti dal Centro di Ricerche Spaziali dell’Accademia Scientifica Polacca.

 

Leonardo fornisce inoltre al Ministero della Difesa polacco, attraverso le joint venture Telespazio e Thales Alenia Space (che nel giugno 2015 ha aperto a Varsavia la controllata Thales Alenia Space Polska) il segmento di terra per la ricezione e l’elaborazione di dati e prodotti dei satelliti italiani COSMO-SkyMed.

 

Finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana, dal Ministero della Difesa e dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca scientifica (MIUR), COSMO-SkyMed è uno dei programmi più innovativi nel campo dell’osservazione della Terra, concepito per soddisfare le esigenze civili (monitoraggio ambientale, protezione civile) e della difesa.

 

Leonardo è inoltre attiva nel campo delle comunicazioni satellitari: Telespazio ha firmato nel 2009 con il Ministero della Difesa polacco un contratto della durata di 13 anni per l'utilizzo di due canali UHF del satellite italiano per le comunicazioni satellitari militari SICRAL 1B e fornisce in Polonia servizi di tv broadcasting.

Kielce 06/09/2016 09:00