Leonardo-Finmeccanica/"team Skytale": selezionata per aggiornare i sistemi di identificazione di oltre 400 piattaforme del Ministero della Difesa UK

Leonardo-Finmeccanica/

- Gli equipaggiamenti IFF (Identification Friend or Foe) consentiranno agli operatori di distinguere tra forze alleate e potenziali minacce ed evitare il “fuoco amico”

- Entro il 2020 il Ministero della Difesa UK adeguerà i velivoli, le navi e i sistemi di difesa di terra al nuovo standard NATO IFF Modo 5 

- Leonardo è leader nel mercato IFF Modo 5 e ha già fornito questa tecnologia a Regno Unito, Italia e Giappone oltre che al nuovo caccia Gripen E di Saab

 

Farnborough, 12 luglio 2016 – Leonardo-Finmeccanica, in collaborazione con Airbus DS Electronics and Border Security (EBS) nel raggruppamento “Team Skytale”, è stata selezionata dal Ministero della Difesa UK per l’ammodernamento dei sistemi di identificazione IFF (Identification Friend or Foe) di oltre 400 piattaforme terrestri, aeree e navali. 

 

Dal 2020 il Regno Unito passerà allo standard militare Modo 5, la versione più recente del sistema che la NATO sta introducendo. Il team guidato da Leonardo è in gara per ammodernare tutte le piattaforme aeree, terrestri e navali con questa nuova tecnologia. Il Modo 5 utilizza le più recenti tecniche criptografiche per superare le limitazioni di sicurezza degli standard precedenti vulnerabili alle tecniche di inganno da parte degli avversari. 

 

I sistemi IFF consentono agli operatori di identificare le forze amiche e distinguerle dalle potenziali minacce attraverso l’invio di un segnale di interrogazione, ad esempio verso un aereo non identificato, e la verifica della risposta ricevuta automaticamente. Assicurare agli equipaggi di terra, aerei e navali di riconoscere in modo affidabile le forze amiche è una delle modalità per evitare gli incidenti causati dal cosiddetto “fuoco amico”. 

 

Una volta aggiudicato il contratto, il Team Skytale aggiornerà tutte le piattaforme del Ministero della Difesa UK che saranno dismesse dopo il 2020. Queste includono 11 tipologie di velivoli, gestite da Leonardo, 18 tipi navi e due di piattaforme terrestri, gestite da Airbus DS EBS. Verrà anche garantito un supporto nazionale attraverso un centro logistico per l’IFF Modo 5 con sede nel Regno Unito.

 

Un elemento chiave dell’approccio del team è quello di ridurre il più possibile le tipologie di equipaggiamento: verrà infatti utilizzato il trasponder M428 e l’unità cripto SIT 2010 di Leonardo per tutte le piattaforme. Entrambi i prodotti sono stati progettati nel sito italiano di L’Aquila. Parte delle attività di sviluppo sono state condotte a Basildon, nel Regno Unito. 

Farnborough 12/07/2016 13:14