Prima consegna del velivolo a pilotaggio remoto Falco EVO al cliente di lancio, un Paese del Medio Oriente

Prima consegna del velivolo a pilotaggio remoto Falco EVO al cliente di lancio, un Paese del Medio Oriente
  • Due i Paesi in Medio Oriente che hanno scelto il Sistema Aereo a Pilotaggio Remoto (SAPR) Falco EVO
  • Cresce la richiesta di servizi di pattugliamento basati su droni, nei quali Leonardo vanta un’esperienza consolidata sia nell’operare i suoi sistemi, sia nel fornire ai clienti informazioni di sorveglianza 
  • Oltre all’eccellenza nei droni ad ala fissa, Leonardo è all’avanguardia negli elicotteri pilotati a distanza. Recente, inoltre, un accordo strategico con il Ministero della Difesa UK per l’ulteriore sviluppo delle tecnologie a pilotaggio remoto 
 
Leonardo, nel corso del Dubai Airshow 2017, ha annunciato la prima consegna del Falco EVO, Sistema Aereo a Pilotaggio Remoto (SAPR), al suo cliente di lancio, un Paese del Medio Oriente. Il primo dei velivoli di nuova produzione è stato completato ad agosto con il test di accettazione portato a termine in Italia presso Ronchi dei Legionari, il sito di progettazione e costruzione dei sistemi a pilotaggio remoto di Leonardo. Il velivolo è stato consegnato a settembre.
 
Il Falco EVO, versione evoluta del sistema a pilotaggio remoto della famiglia Falco di Leonardo, è una piattaforma di sorveglianza e di acquisizione informazioni che può volare per oltre 20 ore consecutive con la capacità di imbarcare equipaggiamenti fino a 100 kg. Il Falco EVO è stato già selezionato da due Paesi del Medio Oriente, replicando il successo del Falco che è stato scelto da cinque clienti internazionali. I Falco già operativi possono essere convertiti nella versione EVO tramite l’installazione di un kit di trasformazione per ali, coda e derive. 
 
Più di 50 SAPR della famiglia Falco sono attualmente operativi in tutto il mondo. Leonardo è stata tra i primi a sperimentare la formula del servizio di missioni di pattugliamento effettuato con i droni, come nel caso delle Nazioni Unite che hanno adottato il Falco per la missione umanitaria MONUSCO nella Repubblica Democratica del Congo. Questo tipo di servizio prevede che sia Leonardo ad operare i propri velivoli e a fornire dati di sorveglianza al cliente. Il nuovo approccio è considerato dalla società come un segmento di business promettente per il futuro. Perciò è stata siglata di recente una collaborazione con l’operatore aereo certificato Heli Protection Europe (HPE), con l’obiettivo di proporre al mercato civile servizi di sorveglianza e ricognizione basati su droni per clienti quali forze di polizia e operatori impegnati nella gestione delle emergenze.
 
Leonardo è la sola azienda in Europa in grado di offrire un drone proprietario completo, dal progetto iniziale all’operatività, inclusi sensori, sistema di gestione della missione e stazione di controllo di terra. Il Falco è anche il solo velivolo a pilotaggio remoto europeo della sua categoria ad essere stato esportato e operato da clienti internazionali. In aggiunta al Falco, Leonardo è un leader nel campo dei velivoli ad ala rotante pilotati a distanza, con il  ‘Solo’ e l’‘Hero’. Inoltre, il “Defence Equipment and Support” (DE&S) del Ministero delle Difesa britannico ha recentemente firmato un accordo biennale con Leonardo per il finanziamento congiunto di attività di ricerca e sviluppo nel settore, con l’obiettivo chiave di identificare, potenziare e impiegare le opportunità offerte da queste innovative tecnologie.
 
 
 
Dubai 13/11/2017 14:45