Elicotteri per missioni navali

Elicotteri per missioni navali


Da sempre il mare è luogo di scambi, commerci, esplorazioni, migrazioni e, in alcuni casi e contesti storici, teatro di confronto e scontro tra le grandi potenze. Negli ultimi trent’anni, in parallelo con lo sviluppo dell’economia globale,  il mare è soprattutto uno dei principali canali strategici per il trasporto di materie prime e per lo sfruttamento delle risorse energetiche. La difesa degli interessi marittimi è dunque divenuta una priorità per tutte le economie avanzate e gli scenari che oggi i Governi sono chiamati ad affrontare sono molto variegati e vanno dal soccorso in mare, alla pirateria, al terrorismo sino a minacce più sofisticate e potenzialmente dirompenti. 

In questo contesto, l’impiego di elicotteri risulta essere uno degli mezzi più efficaci e diffusi, grazie alla loro flessibilità e alla capacità di rispondere ai requisiti dei diversi teatri operativi.
 



 

Gli impieghi operativi in mare

 

Gli elicotteri per impieghi navali operano frequentemente in ambienti particolarmente difficili e impegnativi; da qui l’esigenza di progettarli e realizzarli come mezzi flessibili, multi-ruolo, in grado di effettuare un’ampia gamma di missioni che vanno dal pattugliamento costiero, dagli interventi SAR (Search and Rescue), dal supporto umanitario, dall’antiterrorismo alla lotta contro le mine navali. Devono essere in grado di operare giorno e notte, con ogni condizione meteo. Per poter rispondere con successo a tali requisiti, i sistemi di missione navale vengono studiati presso centri di sperimentazione e integrazione avionica, dove sono svolte attività di ricerca e sviluppo, compresi i test degli equipaggiamenti e la simulazione delle funzioni.


Esistono due tipi principali di impiego per gli elicotteri in missione navale, che si possono suddividere in multiruolo e specializzati. Una porzione significativa della flotta globale fa base sulla costa e viene dedicata a missioni di pattugliamento, sorveglianza e SAR. Altri elicotteri sono invece  imbarcati sulle unità navali, spesso di stanza in mare per lunghi periodi di tempo. Ciò rende necessaria la presenza a bordo sia di tutte le parti di ricambio sia del personale addetto a mantenerli in efficienza. Tali elicotteri devono poter operare in tutta sicurezza dal ponte delle navi anche con mare forza 6 e in ogni condizione meteo, disponendo di un carico utile sufficiente a trasportare tutti i necessari sensori di missione, ausili difensivi, armamento e il carburante necessario a svolgere la missione.

 



 

L’offerta Leonardo


Leonardo ha una lunga e importante tradizione nel settore degli elicotteri per impieghi navali e offre una gamma di prodotti e una capacità di integrazione di sistemi in grado di rispondere a tutte le esigenze del mercato.


La tradizione navale dell’azienda infatti data molto indietro nel tempo, e include modelli storici come il Dragonfly e il Whirlwind, che erano operativi nei primi anni ’50 del secolo scorso, o Wasp e Wessex, entrati in servizio negli anni ’60.  Naturalmente anche AB47, AB204 e AB212 fanno parte della storia degli elicotteri che hanno operato sul mare.


A questi hanno fatto seguito il Lynx ed il Sea King, prodotto su licenza Sikorsky. In anni molto più recenti sono entrati in servizio gli AW101, NH90 e AW159, specificatamente progettati per impieghi navali, mentre altri modelli di origine commerciale, come AW139 e AW189, stanno conoscendo un crescente successo nelle missioni di questo tipo.

 


 

AW139 e AW189 sono elicotteri commerciali, entrambi leader nella propria classe di peso, progettati per svolgere diverse missioni tra cui l’elisoccorso (EMS), ricerca e soccorso (SAR), pattugliamento delle coste, missioni di polizia e compiti governativi e militari. Anche in ambito marittimo, sono in grado di garantire agli operatori del soccorso un potenziale elevato di sviluppo dell’operatività, unendo tecnologie innovative con l’esperienza e l’affidabilità tipiche dei prodotti AgustaWestland.


L'AW159 è un elicottero progettato per missioni marittime, avvantaggiandosi dell’esperienza sviluppata con il Super Lynx 300 e ottimizzato per operare in ambienti terrestri, marittimi e costieri. L'AW159 ha un carico utile significativamente maggiore rispetto al suo predecessore, nuovi motori e sensori avanzati, sistemi di comunicazione e di gestione dei dati che lo rendono una piattaforma navale e utility ideale per soddisfare una vasta gamma di esigenze.
 

 

 

L’NH90 è disponibile nelle due versioni, caratterizzate dalla stessa configurazione standard di base nell’ambito di un disegno modulare, NFH per impieghi navali e TTH per impieghi terrestri. La versione NFH viene utilizzata per rilevamento, classificazione, identificazione e attacco di sommergibili e obiettivi di superficie di giorno e di notte. È equipaggiata con un sistema per la guerra elettronica (EWS), di visione notturna (FLIR), di boe sonar e sonar filabile, di un radar per la scoperta di superficie, armi anti-sommergibile e missili anti-nave.  Nell’ambito del programma NH90, Leonardo ha la responsabilità dello sviluppo dell'avionica basica e dell’avionica della variante navale NFH, la più complessa dal punto di vista sistemico, nonché dello sviluppo, industrializzazione e produzione della trasmissione principale, della linea rotore di coda, del sistema idraulico e della rampa.

 




L’AW101 è il più avanzato elicottero navale multiruolo, attualmente impiegato per missioni antisommergibile e antinave, allarme aereo, nell’individuazione dell’obiettivo in operazioni a lungo raggio, sminamento, ricerca e soccorso e come supporto nelle operazioni anfibie. L’AW101 è dotato di potenza e caratteristiche idonee allo svolgimento di operazioni autonome e multiruolo decollando da piccole unità navali, portaeromobili o basi terresti e piattaforme marine fisse, offrendo grande manovrabilità per appontaggio difficili. L’AW101 è capace di operare in coordinamento con altre unità navali o in piena autonomia.


Sono in servizio ad oggi nel mondo oltre 900 elicotteri Leonardo per operazioni navali, oltre due terzi dei quali operativi in Europa e nel Nord America.
 


Leonardo 17/02/2017