CentauroII: una nuova generazione Net-Centrica

CentauroII: una nuova generazione Net-Centrica

Potenza, osservazione, mobilità, ergonomia, condotta di tiro, comunicazione, oltre, naturalmente, alla massima protezione dell’equipaggio: sono questi i requisiti fondamentali che hanno portato allo sviluppo e alla realizzazione dell’ultima evoluzione della famiglia Centauro, la CentauroII, un prodotto ad elevatissimo contenuto tecnologico, unico nel suo genere.
 


 

Tecnologia allo stato dell’arte

Dotata di un’architettura interamente digitale, la CentauroII, realizzata dal CIO, Consorzio Iveco-Oto Melara, è un campione di tecnologia, frutto di una stretta collaborazione che ha visto lavorare, fianco a fianco, l’Industria e la Difesa. Nello sviluppo di ogni suo singolo componente, l’attenzione alla sicurezza è andata di pari passo con quella dell’efficacia operativa del mezzo. La Centauro II è, infatti, un perfetto esempio di integrazione tra le migliori tecnologie abilitanti sviluppate da Leonardo nel campo dei sistemi trrestri. Il risultato è un veicolo blindato di nuova generazione, in grado di operare in ogni scenario: dalle missioni a difesa della sicurezza nazionale agli interventi in aiuto delle popolazioni a seguito di catastrofi naturali, dalle operazioni di supporto e mantenimento della pace, ad ogni altro teatro operativo in cui le Forze Armate siano chiamate ad intervenire.
 


 

La torre

Sono numerose le innovazioni di Leonardo installate sulla CentauroII, a iniziare dalla nuova torre, che è dotata di elettro-ottiche di ultima generazione per il comandante e il puntatore (il periscopio panoramico ATTILA D e l’unità di puntamento Lothar SD) e di una serie di sistemi di comunicazione (ben sei radio!) e di commando e controllo (SICCONA) che assicurano la massima interoperabilità e disponibilità di informazioni sul teatro operativo. Sulla torre è installata una torretta a controllo remoto, la Hitrole Light, in grado di aumentare la flessibilità del mezzo e di garantire la massima protezione dell’equipaggio, oltre a un Jammer H3, per inibire l’attivazione a distanza di ordigni improvvisati. La CentauroII è dotata di un cannone di ultima generazione da 120/45 mm, un formidabile strumento di autodifesa e deterrenza, compatibile con il munizionamento standard NATO di ultima generazione. Nonostante l’elevato livello di protezione balistica, il cannone di grosso calibro e la ricchezza degli equipaggiamenti di bordo, la torre del CentauroII ha un peso molto ridotto, che non va a incidere sulle capacità e sulla mobilità del mezzo. 
 


 

Massima protezione

Particolare attenzione è stata posta anche nella realizzazione dello scafo, sagomato a “V” per garantire una migliore protezione antimina e da ordigni esplosivi improvvisati, e dotato, come la torre, di corazzature balistiche ad alta efficienza. Del tutto innovativa, rispetto al passato, la scelta di adottare un sistema che permette la guida del mezzo con la sola visione “indiretta” fornita dalle telecamere installate esternamente. Per assicurare la massima mobilità sono stati sviluppati, inoltre, un motore di nuova generazione, un nuovo cambio automatico e un sistema elettronico di frenaggio e controllo.
 


(CENTAURO MGS 120/105)

 

La storia

La CentauroII rappresenta la naturale evoluzione del veicolo blindato Centauro, il primo antitank ruotato 8x8 al mondo, nato da un requisito dell’Esercito Italiano durante gli anni della Guerra Fredda, con l’obiettivo di dare maggiore mobilità alle brigate italiane schierate in difesa del territorio nazionale. 
Con il crollo del Muro di Berlino e i profondi cambiamenti che ne sono conseguiti, la Centauro ha dato eccellente prova di sé in scenari inimmaginabili durante la sua progettazione: operazioni di mantenimento della pace, per la prevenzione dei conflitti e operazioni di carattere umanitario, nonché scenari operativi classici. In dotazione alle Forze Armate di Italia, Spagna, Giordania e Oman, la Centauro è stata prodotta in diverse versioni per rispondere ai differenti requisiti richiesti dai clienti. La CentauroII, che raccoglie l’eccellente eredità della Famiglia Centauro, soddisfa una serie di nuovi requisiti dettati dall’esperienza maturata sul campo, rappresentando così la migliore soluzione alla complessità del moderno teatro operativo.

Leonardo 20/10/2016