Assegnato oggi a Roma il Premio Innovazione Finmeccanica 2014

Nel decimo anniversario del Premio di Finmeccanica per le migliori idee innovative, i riconoscimenti sono stati attribuiti ad Alenia Aermacchi, Selex ES e Telespazio

Assegnato oggi a Roma il Premio Innovazione Finmeccanica 2014

 

Circa il 15% dell’attuale portafoglio brevetti del Gruppo è costituito da soluzioni innovative che hanno concorso al Premio Innovazione di Finmeccanica

 

Triplicato in dieci anni il numero delle proposte presentate: circa 25.000 dipendenti di Finmeccanica nel mondo hanno lavorato a quasi 8.500 progetti di innovazione tecnologica

 

La proposta di Alenia Aermacchi ha vinto quest’anno anche il Premio Nazionale per l’Innovazione istituito dal Governo presso la Fondazione Nazionale per l’Innovazione Tecnologica COTEC, il più importante riconoscimento italiano dedicato al Made in Italy

 

Si è svolta oggi a Roma, presso l’Auditorium Finmeccanica, la cerimonia di consegna del Premio Innovazione Finmeccanica 2014, giunto alla sua decima edizione. Il Presidente Gianni De Gennaro e l’Amministratore Delegato e Direttore Generale Mauro Moretti hanno premiato i tre migliori progetti, selezionati in base a una serie di criteri  tra i quali originalità, riduzione dei costi e vantaggio competitivo. Le proposte vincitrici, scelte tra le quasi mille presentate, sono state valutate da una Commissione Esaminatrice presieduta dal prof. Luigi Nicolais, Presidente del CNR.

Il Premio Innovazione Finmeccanica 2014 è andato a:

Alenia Aermacchi per il “Sistema termografico per la rilevazione di difetti nelle strutture aeronautiche in materiale composito”. Questo metodo rappresenta un significativo passo in avanti rispetto alle tradizionali procedure di indagine, come ad esempio la tecnica ad ultrasuoni che, pur rilevando difetti nella struttura, non ne definisce le forma e la dimensione. L’ispezione termografica, basata sull’utilizzo di  termo-camere e di sistemi di scansione, acquisizione ed elaborazione software, consente invece di quantificare con precisione il difetto e  di ridurne i costi di verifica, poiché sfoltisce i passaggi del processo diagnostico che, in qualche caso, possono compromettere l’integrità della parte esaminata.

Selex ES per “Minimetris: metamateriali per la miniaturizzazione di componenti a microonde”. I metamateriali non sono materiali in senso stretto, non essendo possibile trovarli in natura, quanto piuttosto strutture artificiali create per ottenere determinate e prefissate qualità ottiche ed elettromagnetiche. Di qui la possibilità di progettare dispositivi e sistemi con nuove caratteristiche e proprietà non ottenibili secondo metodi convenzionali. Il progetto Minimetris utilizza i metamateriali per la miniaturizzazione di dispositivi diffusi nei nostri sistemi a microonde, come ad esempio alcuni componenti utilizzati per la produzione di antenne stampate. Con Minimetris l’impiego di metamateriali consente di ridurre le dimensioni dei componenti del 20-30% rispetto a un dispositivo convenzionale, con evidenti vantaggi in termini di ingombri e di peso. L’introduzione di soluzioni in metamateriali apre, infine, la strada a dispositivi innovativi in grado di abilitare prestazioni avanzate radicalmente nuove, come ad esempio gli indici di rifrazione negativi non presenti in natura.

Telespazio per “e-GEOS 3D Smart”. Si tratta di un’evoluzione della piattaforma di geo-informazione già utilizzata per la rappresentazione cartografica in tre dimensioni. La soluzione integra la modalità di rappresentazione dell’ambiente da monitorare con funzioni altamente innovative, come il calcolo di visibilità atmosferica, i modelli in 3D per l’analisi della propagazione del rumore, la rilevazione delle interferenze elettromagnetiche, l’analisi dei flussi di traffico e le applicazioni per la sicurezza in ambienti a bassa visibilità. Attraverso 3D Smart, e-GEOS incrementa il valore dei propri prodotti e servizi già offerti in ambito 3D e apre la strada per la messa a punto di nuovi e sempre più avanzati e personalizzati servizi di geo-informazione in diversi segmenti di mercato: si pensi ad esempio alle innumerevoli applicazioni che può offrire l’utilizzazione dei dati prodotti dal sistema di rilevazione satellitare Cosmo-SkyMed, dedicato all’osservazione della Terra.


La Commissione Esaminatrice ha inoltre assegnato il Premio Brevetto dell’Anno a:

Selex ES per “IR Detector System and Method”, un sistema ad InfraRossi (IR) per la rilevazione di potenziali minacce che integra al reticolo del sensore dell’immagine IR un processore in grado di determinare la posizione della minaccia/bersaglio direttamente all’interno della scena/immagine acquisita dal sensore stesso. Il sistema riduce in tal modo i tempi per l’elaborazione del segnale acquisito e accorcia il tempo necessario alla determinazione esatta della posizione della potenziale minaccia individuata, con evidenti vantaggi in termini di una più immediata capacità complessiva di reazione. L’innovazione presenta potenzialità legate non solo agli sviluppi di nuove generazioni di rilevatori ad infrarosso per il settore militare, ma anche in altri ambiti applicativi delle tecnologie sensoristiche, come ad esempio le missioni di sorveglianza e di law enforcement.


Il Premio Innovazione Finmeccanica: una fabbrica di idee e di brevetti

Il Premio Innovazione è un’iniziativa internazionale che, dal 2004, ogni anno si rivolge a tutti i dipendenti di Finmeccanica che vogliano presentare idee innovative relative alle aree di business presidiate dalle diverse aziende del Gruppo. L’innovazione di prodotti e processi e le capacità individuali sono considerate in Finmeccanica fattori di competitività determinanti nel settore dell’alta tecnologia. Per questo ogni anno vengono chiamati a concorrere non solo i tecnici specializzati, gli ingegneri o gli addetti alla ricerca di base e applicata, ma anche il personale di tutte le strutture aziendali, nella convinzione che ogni singolo individuo sia depositario di un patrimonio di competenze e abilità da cui possano scaturire idee innovative che diventano una risorsa comune a tutto il Gruppo e, in molti casi, trovano concreta applicazione in campo industriale.

Il Premio Innovazione si articola in due fasi: il Premio Innovazione Aziendale organizzato nell’ambito di ciascuna azienda del Gruppo e il Premio Innovazione di Gruppo al quale partecipa uno dei tre vincitori di ciascun Premio Aziendale. Le idee innovative devono rispondere al maggior numero dei seguenti parametri: originalità, riduzione dei costi, vantaggio competitivo acquisito dall‘azienda, rilevanza industriale rispetto alle attività del Gruppo Finmeccanica. Nella valutazione si tiene anche conto di altri elementi qualificanti, come la  collaborazione con società partner e fornitori oltre che con Università ed Enti di Ricerca, la possibile applicazione “duale” della tecnologia, l’attenzione alle tematiche sociali e ambientali e infine la collaborazione interaziendale mediante la formazione di team dedicati al progetto, eterogenei per provenienza geografica e aziendale. Ogni anno le proposte vengono valutate da una Commissione Esaminatrice formata da rappresentanti della Corporate e da esponenti della ricerca pubblica e scientifica.

Il Premio Innovazione ha prodotto, nel corso dei suoi dieci anni di vita, risultati tangibili e misurabili: le proposte presentate si sono trasformate in nuove ed efficaci applicazioni, ottenendo in molti casi il riconoscimento del brevetto industriale. Attualmente circa il 15% dell’attuale portafoglio brevetti del Gruppo Finmeccanica è costituito da applicazioni industriali delle idee innovative scaturite all’interno del Premio Innovazione e trasformate in progetti all’interno dei laboratori del Gruppo. Una partecipazione sempre crescente ha sancito il successo di questa iniziativa: in dieci anni il numero di proposte presentate è triplicato e ha coinvolto circa 25.000 dipendenti di ogni settore del Gruppo Finmeccanica che hanno lavorato a quasi 8.500 progetti di innovazione tecnologica. Molto significativo il dato geografico della provenienza dei progetti: le 10 proposte inviate dalle aziende al di fuori del perimetro italiano nel 2004, sono diventate 465 nel 2014, a testimonianza della capacità del Premio Innovazione di coinvolgere risorse e progettualità di livello internazionale.

Tra le proposte vincitrici del Premio Innovazione Finmeccanica ogni anno viene individuata anche quella candidata al Premio Nazionale per l’Innovazione, conosciuto anche come il “Premio dei Premi”, istituito dal Governo presso la Fondazione Nazionale per l’Innovazione Tecnologica COTEC. Quest’anno il progetto vincitore di Alenia Aermacchi  a livello di Gruppo si è aggiudicato anche il podio a livello nazionale vincendo nella categoria “Industria e Servizi – Grandi Imprese”.

 

Nota per i redattori

Finmeccanica è il primo gruppo industriale italiano nel settore dell’alta tecnologia e tra i primi dieci player mondiali nell’Aerospazio, Difesa e Sicurezza. Ha registrato nel 2013 ricavi pari a 16 miliardi di euro, ordini per 17,6 miliardi di euro e circa 64.000 dipendenti distribuiti in 362 insediamenti (di cui 138 stabilimenti produttivi) in 22 Paesi nel mondo. Quotata alla Borsa di Milano (FNC IM; SIFI.MI), Finmeccanica è un Gruppo multinazionale e con una stabile presenza industriale e commerciale in quattro mercati domestici (Italia, Gran Bretagna, Stati Uniti e Polonia) e una rete di importanti collaborazioni stabilite a livello internazionale. Finmeccanica è attiva, con società controllate e joint ventures, nei settori: Elicotteri (AgustaWestland), Elettronica per la Difesa e Sicurezza (Selex ES, DRS Technologies), Aeronautica (Alenia Aermacchi, ATR, SuperJet International), Spazio (Telespazio, Thales Alenia Space), Sistemi di Difesa (Oto Melara, WASS, MBDA) e Trasporti (Ansaldo STS, AnsaldoBreda, BredaMenarinibus)

 

 

 

Roma 26/11/2014 18:26