Leonardo a bordo del progetto BariMatera5G

Leonardo a bordo del progetto BariMatera5G

Leonardo è a bordo del progetto di sperimentazione della tecnologia 5G in Italia, in particolare sulle città di Bari e Matera. 

 

Tra i servizi innovativi basati sulla rete mobile di quinta generazione, Leonardo ha lanciato il caso d’uso in ambito smart port, sicurezza pubblica e controllo degli accessi nell’area portuale di Bari. Si tratta di una delle prime applicazioni concrete delle potenzialità della nuova tecnologia, declinata su un aspetto centrale del vissuto quotidiano, ossia quello della sicurezza.

 

Grazie all’interconnessione delle infrastrutture portuali e di numerosi dispositivi tra cui sensori, videocamere, wereable, terminali, droni e gate trasportabili, con una piattaforma centralizzata di comando e controllo per la sicurezza e il controllo accessi sarà incrementata la sicurezza del porto, aumentandone ulteriormente l’attrattività turistica e commerciale. 

 

La soluzione è stata realizzata dal Consorzio Bari-Matera 5G con Leonardo per le componenti di sicurezza e la piattaforma di comando e controllo, Bosch per le videocamere e con il supporto dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale e degli enti addetti alla sicurezza del porto (Capitaneria di Porto, Guardia di Finanza e Polizia di Stato). 

 

BariMatera5G è il progetto con cui TIM, Fastweb e Huawei si sono aggiudicate congiuntamente il bando di gara del MISE per la sperimentazione della nuova tecnologia 5G nelle due città. Grazie ad un investimento di oltre 60 milioni di euro in 4 anni, Bari e Matera saranno fra le prime "città 5G" d’Europa nelle quali saranno sperimentati servizi innovativi in settori come la sanità, l'industria 4.0, il turismo, la cultura, l'automotive e la sicurezza pubblica. Il progetto coinvolge 52 partner di eccellenza, tra cui 7 centri universitari e di ricerca, 34 grandi imprese e 11 pubbliche amministrazioni. La rete 5G realizzata a Bari e Matera consentirà una capacità trasmissiva 10 volte superiore a quella del 4G e la sperimentazione metterà in campo oltre 70 use cases, determinando una radicale trasformazione dei territori coinvolti.

Roma 28/06/2018